martedì 15 giugno 2010

io quella vitalità dei diciott'anni l'ho persa.
ma tutto il resto no.
ed è proprio quel tuttoilresto quello che auspicabilmente andrebbe perso con gli anni.

è tutto al rovescio.
sono tutta al rovescio.

sarà per questo che amo con la testa e penso con il cuore.







So won't you tell me what to do
I can pretend that you tell the truth
Won't you tell me what to do
I can pretend you tell the truth

And you've made up the rules
So that you'll win this game
But you can't tell me what to do
Cause I don't believe in you
What's left a sweet sweet sweet embrace
And you're a thousand miles away


partirei,adesso.
c'è un giro che andava fatto,e non è stato fatto.e che mi urge,dentro.
sento l'urgenza delle persone.di sapere.
ma devo tornare a studiare.
e stare qui,incollata qui.
una volta mi sentivo un albatros.adesso sono un piccione.e non viaggiatore.

4 commenti:

☆Vale ha detto...

ci sono dei periodi in cui ci si sente demotivati

a quel punto diviene importante ridisegnare le priorità.

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

io dei 18 anni non ho perso niente. anzi, forse m'è aumentata solo un po' di stupidità :)

Apprendista Nocchiero ha detto...

Io ho ritrovato la vitalità che non avevo a 18 anni... Quella vitalità che ho perso a 15-16 anni e di cui tanto avrei avuto bisogno negli ultimi tempi.. è tornata nell'ultimo anno ed ora me la tengo ben stretta... ^________^

Il Ballo dei Flamenchi ha detto...

wooow! Bel blog! passa da me!